Otranto (Salento) Italia Otranto (Salento) Salento Puglia e le Isole Tremiti Prezzi 2018 ( Italyisitaly.it )

  • chiamaci: 0543 - 795968
  • Email: Otranto-(Salento)@italyisitaly.it
Wellness 16

Italia Salento Puglia e le Isole Tremiti : Otranto (Salento)

Otranto (Salento)
Otranto (Salento)

La storia millenaria della città di Otranto è stata da sempre influenzata dalla sua proiezione verso oriente. Il Capo Palascia, posto a pochi km a sud di Otranto, rappresenta infatti, il lembo di terra più ad est d'Italia.

La città è stata anche definita: la Bisanzio del Salento.
Questo deriva dalla grande influenza che l'Impero, erede nel Medioevo della gloria di Roma ebbe su queste sponde dell'Adriatico, con notevoli ripercussioni anche a livello artistico e architettonico.
La Chiesa di San Pietro viene spesso associata a quella di Santa Sofia a Costantinopoli mentre la Cripta della Cattedrale alla "Cisterna" di Bisanzio.

Una lingua protesa a levante, il Salento, ed Otranto in particolare, hanno da sempre costituito un ponte naturale tra oriente ed occidente, un crocevia di popoli, un coacervo di culture.
Punto di incontro e baluardo, dall'identita' forte e frammentata. Scrigno prezioso ove ogni popolo al proprio passaggio ha deposto i propri gioielli e lei gelosa, li ha custoditi, per secoli, preservandoli dall'aggressione del tempo.
La storia millenaria di Otranto, per la sua proiezione ad est, e' stata sempre caratterizzata dal suo rapporto con l'oriente, vissuto a volte con terrore per le continue scorribande dei saraceni culminate con il sacco della citta' del 1480, ma spesso fonte di cultura e progresso.

A circa 8 km da Otranto, raggiungibile percorrendo la parte nord della litoranea che dalla città idruntina porta verso Torre dell'Orso troviamo una zona umida: I Laghi Aliminni.
La laguna occupa una posizione strategica sulle rotte migratorie degli uccelli acquatici tra l'Africa e l'Europa centro-orientale, ed è interessata due volte l'anno da un flusso rilevante di uccelli. Dall'autunno alla primavera sono presenti molte specie svernanti o di passo, mentre a fine primavera rimangono soprattutto specie nidificanti.
Per la particolare morfologia costituisce l'ambiente peculiare per la presenza di specie sia animali che vegetali tipiche.

Attrae oltre 100.000 visitatori la "Grotta della Zinzulusa" nome derivante dal dialetto salentino che chiama stalattiti e stalagmiti "zinzuli".
Particolare interesse hanno da subito destato la presenza di specie di crostacei di origine molto antica e presenti solo in questa cavità.
L'interesse suscitato dalla Zinzulusa non si limita solo all'aspetto biologico, ma anche per il rinvenimento di numerosi resti di manufatti che paiono risalire al neolitico al paleolitico sino a giungere all'epoca romana.

Dopo aver "gustato" la natura, la storia e l'arte di Otranto, non rimane che immergere i sensi assaporando splendidi piatti tipici che la città può offrire.

Essendo posta su uno dei mari più puliti d'Italia, molti piccoli ristoranti preparano piatti a base di pesce freschissimo ed appena pescato.
Non solo pesce però..perchè non approfittare dei gustosi ortaggi e verdure della zona.
Nelle ricette tipiche sono da ricordare le melanzane grigliate con menta ed aglio, i peperoni fritti, la peperonata, la zuppa di pomodoro, le cime di rape stufate.
Che dire dei dolci a base di pasta di mandorle?
Ma un buon pasto è sempre accompagnato dai pregevoli vini della tradizione del territorio, tra tutti il negroamaro ed il primitivo.

Otranto (Salento)

Hotel Offerte

HOTEL 4 Stelle ☆☆☆☆

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza di navigazione.
Per maggiori informazioni sui cookies utilizzati in questo sito clicca qui . Chiudendo questo avviso, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Informazioni e Prenotazioni

Telefono: 0543 795968

Iscriviti alla nostra Newsletter